TERRE VERDIANE FONTANELLATO - VALDIMAGRA 3-1

23/25 25/14 25/17 25/11
Nuova Oma Valdimagra: Cordiviola 1, Prandi 12, Castellano 9, De Angelis 6, Boriassi 8, Ruffini 4, Mazziotta ne , Papa 6, Leonardi libero, Cecchinelli libero. All Andrea Marselli, Vice All Nicolò Caselli.
Terre Verdiane Fontanellato: Arnoldi, Della Peruta, Perini, Sestini, Lussana, Melegari, Rossi, Ghiretti, Bignotti, Fagioli, Rustighi, Wagner. All Botti, Vice Iasoni

La Nuova Oma Valdimagra perde 3 a 1 a Fontanellato contro una formazione nata per lottare alla promozione. Le ragazze di Marselli sono giunte a questo importante appuntamento in formazione largamente rimaneggiata a causa di malanni di stagione che hanno colpito lo spogliatoio in settimana. Nel primo set il tecnico apuano schiera una formazione giovane con la Ruffini al palleggio classe 95, all’esordio come titolare e crediamo sinceramente la più giovane che lo abbia fatto in questa stagione su scala nazionale, la Boriassi al centro classe 92 e la De Angelis di banda classe 90. Le atlete in campo danno il massimo assieme alla Prandi, alla Castellano ed alla capitana Cordiviola che disputava la prima gara stagionale completa dopo l’infortunio. Il set è stato una battaglia con le Valligiane che danno l’anima e si impongono 25/23 dopo ben 34 minuti di gioco con Castellano e De Angelis top score. Nella seconda frazione le parmensi sembrano aver trovato il bandolo della matassa e dall’alto della classe e dell’esperienza si impongono 25/14 in 20 minuti di gioco. Il terzo set mostra al numeroso pubblico presente una fase iniziale di sostanziale equilibrio fino al primo tempo tecnico, poi le padrone di casa prendono in mano le redini del gioco e si impongono anche se non riescono a piegare le atlete della Valdimagra che lottano per ben 24 minuti prima di cedere. Nella quarta frazione di gioco non c’è storia, le parmensi vogliono vincere e sfruttando la classe e l’esperienza piegano la difesa strenua delle atlete di Botti e Ginesi.
Finito l’incontro il mr apuano ha espresso alle proprie atlete le valutazioni sulle varie fasi di gioco, ha elencato le cose da rivedere ma sostanzialmente si è detto contento del gioco espresso in condizioni così poco provate in allenamento. Sabato prossimo, 21 novembre, alle 21.00 sarà di scena la corazzata S. Croce al Palaquercia, formazione zeppa di giocatrici di categoria superiore, formata al solo scopo di vincere il campionato dopo il secondo posto della scorsa stagione. La settimana di lavoro sarà impostata tutto sullo studio di movimenti atti a difendere e controbattere il gioco delle pisane, sperando che si svuoti presto l’infermeria e quindi poter scegliere la formazione in base alle necessità e non alle condizioni di salute.

Ruggero Bertolini